Navigazione Home Page Sitemap E-mail Stampa
mappa.gif 

Cosa è cambiato per il cittadino?

PROGETTO S.CU.DO. MUGELLO - Azione 2 ed Azione 3

A seguito del finanziamento con fondi FSC, da parte della Regione Toscana, del progetto S.CU.DO. MUGELLO, il cui acronimo sintetizza la frase ‘Sostegno CUre DOmiciliari’, la Società della Salute del Mugello, ha avuto € 219.094,24, suddiviso su tre azioni.


AZIONE 2 – Percorsi per la cura ed il sostegno familiare di persone affette da demenza, favorisce l’accesso a servizi anche innovativi di carattere socio-assistenziale di sostegno e supporto alle persone con diagnosi di demenza e alle loro famiglie, per garantire una reale possibilità di permanenza presso il proprio domicilio e all’interno del proprio contesto di vita.

I destinatari per l’erogazione di Buoni servizio, per questa azione, sono persone con una diagnosi – effettuata dai servizi specialistici competenti – di Alzheimer/demenza e le loro famiglie, residenti sul territorio della Zona-distretto di riferimento del progetto.

Il potenziale destinatario identificato attraverso una valutazione multidisciplinare da parte della UVM zonale, sarà oggetto di una presa in carico, conseguente alla valutazione, da attivarsi tramite un Piano individualizzato formulato dalla UVM in collaborazione con i Servizi specialistici competenti, sulla base delle specifiche necessità rilevate.

Il potenziale destinatario, può presentare la richiesta di assegnazione del Buono servizio, con allegata la domanda di iscrizione FSC firmata dal destinatario (ove necessario la sottoscrizione sarà effettuata dal tutore o dall’amministratore di sostegno). Possono presentare la richiesta anche i potenziali destinatari valutati e presi in carico precedentemente all’avvio del progetto.

La lista dei destinatari sarà redatta sulla base della data di presentazione delle richieste  L'entità del singolo Buono è stabilita nel Piano di spesa per un ammontare totale che può variare da un minimo di Euro 3.000,00 ad un massimo di Euro 4.000,00.

AZIONE 3 – Finanzia l’erogazione di contributi economici alla spesa per un “assistente familiare” regolarmente contrattualizzato ai fini di sostenere la domiciliarità dell’assistito, nonché di promuovere l’occupazione regolare e una maggiore sostenibilità della spesa a carico delle famiglie.

I destinatari per l’erogazione di Buoni servizio, per questa azione, sono:
a)persone anziane ultra 65enni (ovvero di età inferiore ai 65 anni nel caso di persone con patologie degenerative assimilabili al decadimento cognitivo), già valutate dalla UVM antecedentemente all’avvio del progetto, con una isogravità di 4-5, che presentano un elevato bisogno assistenziale e hanno ricevuto un PAP residenziale ma si trovano in lista di attesa per l’inserimento in struttura;
b)persone anziane ultra 65enni (ovvero di età inferiore ai 65 anni nel caso di persone con patologie degenerative assimilabili al decadimento cognitivo), valutate ovvero rivalutate dalla UVM successivamente all’avvio del progetto, con una isogravità di 4-5, che presentano un elevato bisogno assistenziale alle quali è proposto un PAP residenziale ma sono collocate in lista di attesa per l’inserimento in struttura;
c)persone anziane ultra 65enni (ovvero di età inferiore ai 65 anni nel caso di persone con patologie degenerative assimilabili al decadimento cognitivo), valutate ovvero rivalutate dalla UVM successivamente all’avvio del progetto, con una isogravità di 4-5, che presentano un elevato bisogno assistenziale alle quali può essere proposto un PAP domiciliare in forma indiretta di sostegno alla persona e alla famiglia attraverso la figura dell’assistente familiare.

Il potenziale destinatario,  può presentare la richiesta di assegnazione del Buono servizio, con allegata la domanda di iscrizione FSC firmata (ove necessario la sottoscrizione sarà effettuata dal tutore o dall’amministratore di sostegno del destinatario).
Possono presentare richiesta di assegnazione del Buono servizio, anche i potenziali destinatari valutati e presi in carico precedentemente all’avvio del progetto.
Nel caso di persona in lista di attesa per l’inserimento in struttura, l’erogazione del Buoni servizio è interrotta dal momento dell’ammissione dell’assistito nella residenza prescelta .
Il Buono servizio finanzia esclusivamente l’erogazione di un sostegno economico a fronte del costo per
l’assistente familiare, assunto con regolare contratto di lavoro per un minimo di 26 ore settimanali.
L’importo del contributo economico mensile varia da un massimo di € 800,00 a un minimo di € 200,00.
La lista dei destinatari sarà redatta sulla base della data di presentazione delle richieste.

Di seguito la modulistica necessaria per la presentazione delle richieste di buono servizio Azioni 2 e 3.

Le istanze possono essere presentate nelle seguenti modalità:
-consegna diretta o per e-mail ai Punti Insieme del territorio, nei giorni e orari presenti sul sito stesso (dalla home page cliccare nel menu a sx Servizi Offerti-Punti Insieme/Sportelli Sociali);
-consegna diretta o per e-mail al PUA (Punto Unico di Accesso), c/o Centro Polivalente di Borgo San Lorenzo, V.le della Resistenza/Angolo Via Gobetti, dal lunedì al venerdì in orario 09:00/12:00, anche via mail (pua.mugello@uslcentro.toscana.it);
-tramite PEC all’indirizzo sdsmugello@legalmail.it;
-tramite servizio postale per raccomandata A/R, da inviare alla Società della Salute del Mugello, Via P. Togliatti n. 29-50032 Borgo San Lorenzo (FI).

AZIONE 2

AZIONE 3